Welcome Video

3 novembre 2020

Il “varo” ufficiale è avvenuto il 30 ottobre 2020, nell’Aula magna dell’ITS A. Volta di Palermo, sede del percorso formativo. Oggi, 3 novembre 2020, il primo giorno di attività d’aula

Primo giorno di lezione oggi per gli studenti del corso biennale per “Tecnico superiore per la produzione di apparecchi e dispositivi diagnostici, terapeutici e riabilitativi” dell’ITS Alessandro Volta di Palermo, il primo Istituto Tecnico Superiore in Sicilia – il secondo nel Meridione d’Italia – specializzato in “Nuove tecnologie della vita”. Le lezioni si terranno in presenza e in massima sicurezza, nel rispetto dei provvedimenti ministeriali e regionali. A dare il via ufficiale al corso di studi del nuovo Istituto Tecnico Superiore sono stati venerdì scorso i partner della Fondazione ITS Volta in collegamento online con gli studenti riuniti per la prima volta nell’aula magna della scuola superiore Volta di via Passaggio dei Picciotti, tra i partner fondatori dell’ITS e sede delle lezioni.

Trenta gli studenti che hanno superato la selezione e che in questa prima fase saranno impegnati per cinque giorni a settimana, dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 13. Duemila le ore di attività formativa previste, articolate in quattro semestri, tra aula, laboratorio e stage in azienda, già a partire dal secondo semestre.

“Nonostante il Covid – dice la presidente della Fondazione, Maria Pia Pensabene – abbiamo voluto tener fede all’impegno preso con i ragazzi. Non è stato semplice ma ci siamo riusciti. Studenti, docenti e partner della Fondazione sono motivati e siamo nelle condizioni di iniziare in massima sicurezza”. “Gi studenti dell’ITS sono gli unici attualmente presenti all’interno dell’edificio – spiega la preside del Volta, Margherita Santangelo – All’ingresso viene misurata la temperature e all’interno, nelle parti comuni e nell’aula in cui si svolgono le lezioni sono stati collocati dispenser con disinfettante. Anche i banchi sono quelli previsti dalle nuove disposizioni: monoposto e con le rotelle in modo da poter rispettare le distanze”.

All’avvio del biennio, venerdì 30 ottobre, hanno preso parte con un contributo video: il sindaco Leoluca Orlando; il rettore Fabrizio Micari; l’assessore regionale all’Istruzione Roberto Lagalla; il presidente di Sicindustria e della Camera di Commercio Alessandro Albanese; Alessandro Padova, direttore generale della Fondazione RIMED. Si sono, inoltre, collegati l’assessora alla Scuola di Palermo Giovanna Marano; Andrea Paolini e Stefano Chiellini, rispettivamente Presidente e Direttore dell’ITS VITA di Siena specializzato nello stesso ambito e attivo già da parecchi anni, con cui sono in programma scambi e attività di collaborazione.

“C’è una sempre più crescente domanda di professionalizzazione del personale e del management da parte dell’impresa – ha detto in apertura Alessandro Albanese – L’ITS risponde a questa richiesta e rappresenta anche una occasione concreta e di qualità di immissione nel mondo del lavoro per tutti quei giovani che completano gli studi tecnico-professionali e decidono di non proseguire con l’Università. L’ITS per la produzione di apparecchiature diagnostiche è una nuova frontiera nel campo di innovazione delle tecnologie sanitarie e dà un senso di unicità ad un’aggregazione moderna tra imprese, scuola e istituzioni. Accogliamo con soddisfazione e entusiasmo questa sfida e daremo il massimo sostegno sia come Sicindustria che come Camera di Commercio di Palermo Enna a questa attività, nuova per la nostra città e la nostra regione, ma già ben conosciuta in altri ambiti europei”.

“Grazie a nome di Palermo – ha detto il sindaco Leoluca Orlando – Il senso di questa straordinaria esperienza è quello di adeguare la proposta formativa alla domanda di lavoro. Un’esperienza che esprime anche la vitalità dell’Istituto tecnico professionale che è capace non solo di assolvere alle funzioni previste ma anche di cercare nuovi livelli di qualità nell’interesse dei ragazzi, nell’interesse del mondo del lavoro, nell’interesse complessivo della città”. “L’ITS è una grande sfida per il nostro territorio – ha aggiunto l’assessora Giovanna Marano – Per trovare una formula che, partendo dalla responsabilità dell’impresa e dalla domanda sempre più specifica di nuove professionalità, possa realmente rappresentare per le ragazze e i ragazzi palermitani una grande opportunità di occupazione”.

L’assessore regionale all’Istruzione e della Formazione Roberto Lagalla si è soffermato sul sistema regionale degli ITS e sui risultati che riesce a produrre: “Grazie al loro carattere fondativo che mette insieme istituzioni, università, istituti tecnici superiori, aziende, il sistema degli ITS raggiunge un livello di network che consente di mettere a segno gli obiettivi programmati: mediamente il livello occupazionale dei diplomati ITS è particolarmente alto e supera, a seconda dei casi, anche l’80 per cento”.

Servizio tratto dal comunicato stampa a cura di Gioia Sgarlata

Per qualsiasi informazione aggiuntiva, non esitare a contattarci